Meno male che Fini c’è

Meno male che Fini c’è Di Eugenio Scalfari   La Repubblica  29/3/09   Era stato concepito come un congresso-show e così si è svolto, ma sarebbe grave errore interpretarlo solo come un evento mediatico.   Il Popolo della libertà ha ancora l’apparenza d’un partito di plastilina, malleabile e manipolabile con facilità, ma ha un’armatura di ferro costituita da interessi largamente diffusi … Continua a leggere