Riconoscere lo Stato palestinese

  «Riconoscere loro tutela la mia gente» La scrittrice e politica, figlia d Moshe Dayan non ha dubbi: «Solo così si liberano due popoli» 24/9/2011 Una pace fondata sul principio “due popoli, due Stati, non è una gentile concessione ai palestinesi, tanto meno un cedimento a quanti vorrebbero liquidare Israele. La nascita di uno Stato palestinese è nel nostro interesse. … Continua a leggere

Israele,rispettare confini 1967

Se sei interessato  a ricevere la selezione “giornaliera”di articoli invia la tua richiesta a “reterache@alice.it” I Confini del 1967 vanno rispettati ABRAHAM B.YEHOSHUA   La Stampa 21 5 2011   L’accordo di riconciliazione tra Hamas e l’Autorità palestinese ha provocato l’ostile reazione ufficiale di Israele. Tanto per cominciare il fatto che dopo tanti tentativi di riconciliazione le due fazioni rivali … Continua a leggere

Palestina, carnefici e mandanti

CARNEFICI E MANDANTI   Moni Ovadia  aprile 2011   È stato ferocemente giustiziato Vittorio Arrigoni uno dei nostri.   Non il militante di una fazione, non solo o non tanto un pacifista o un sostenitore della causa palestinese ma un essere umano che conosceva il significato di questa parola.   Essa implica un dovere animato da una passione irreprimibile. Il … Continua a leggere

Israele, finite le illusioni

Se sei interessato  a ricevere la selezione “giornaliera”di articoli invia la tua richiesta a “reterache@alice.it” Finite le illusioni di Israele   Arrigo Levi  2/2/2011   L’invito a «sostenere Mubarak», rivolto da Israele agli Stati Uniti e ai Paesi europei, non sembra davvero una reazione adeguata alla potenziale estrema gravità, per lo Stato ebraico, di un cambiamento di regime in Egitto. … Continua a leggere

La destra israeliana

Se sei interessato  a ricevere la selezione “giornaliera”di articoli invia la tua richiesta a “reterache@alice.it” ISRAELE, UN PAESE DAVVERO NORMALE Moni Ovadia  15 /1 /2011   Il padre fondatore di Israele David Ben Gurion, quando seppe che un ebreo della nazione appena costituita era stato arrestato per furto, esultò dicendo:”ecco, siamo un paese normale come tutti gli altri”. Chissà se … Continua a leggere

Amos Oz: “Alla fine sarà la pace”

Israele assurdo come un film di Fellini, ma alla fine sarà pace” Amos Oz: la vita più forte del fanatismo. Siamo 8 milioni di primi ministri, di profeti e di messia. E nessuno ascolta l’altro   TRENTO – Amos Oz ne è convinto: “Prima o poi ci sarà la pace fra israeliani e palestinesi. I pazienti, ossia i due popoli, … Continua a leggere

Israele, scontro fondamentalisti e Istituzioni

Israele, scontro frontale tra i fondamentalisti e le Istituzioni   “Pronti a mettere lo Stato sionista a ferro e fuoco”    Aldo Baquis La Stampa 20/6/10   «Ho nostalgia di mio padre, ma non sono triste. Lui è chiuso là per santificare il Nome del Signore». Di fronte ai cancelli della prigione di Maassiahu, 20 chilometri da Tel Aviv, nel … Continua a leggere

Israele – Verso la catastrofe

Verso la catastrofe di Moni Ovadia  1/6/2010 Era inevitabile che accadesse. L’insensato atto di pirateria militare israeliano contro il convoglio navale umanitario con la sua tragica messe di morti e di feriti non è un fatale incidente, è figlio di una cecità psicopatologica, della illogica assenza di iniziativa politica di un governo reazionario che sa solo peggiorare con accanimento l’iniquo … Continua a leggere

Israele – un atto criminale

Grossman: “Un atto criminale che riaccende odio e vendette” David Grossman –  1/6/2010   NESSUNA spiegazione può giustificare o mascherare il crimine commesso da Israele 1 e nessun pretesto può  motivare l’idiozia del suo governo e del suo esercito. Israele non ha inviato i suoi soldati a uccidere civili a sangue freddo, in pratica era l’ultima cosa che voleva che … Continua a leggere

Israele – l’ossessione di un Paese

L’ossessione di un Paese Il dramma al largo di Gaza è devastante per Israele e favorisce i suoi avversari. Tra chi ha segnato punti a proprio vantaggio, in queste ore, c’è anche l’Iran di Ahmadinejad Bernardo Valli 1/6/2010 IL SANGUINOSO arrembaggio alle navi dei pacifisti dirette a Gaza non può che avere conseguenze politiche devastanti per chi l’ha promosso, quindi … Continua a leggere