Fujimori, condanna

Perù, confermata la condanna per Fujimori: 25 anni di prigione

 

 

La Corte Suprema del Perù ha confermato all’unanimità la condanna a 25 anni di carcere per l’ex presidente Alberto Fujimori, colpevole di violazioni dei diritti umani commesse durante il suo mandato (1990-2000).

 

La condanna di primo grado contro il 71enne Fujimori era stata emessa il 7 aprile scorso, per decisione unanime dei tre magistrati della camera speciale del Tribunale Supremo di giustizia di Lima.

 

La Corte suprema doveva giudicare un ricorso di nullità del processo di primo grado, durante il quale Fujimori fu riconosciuto responsabile dei massacri di civili perpetrati dagli «squadroni della morte» che tra il 1991 ed il 1992 stroncarono la guerriglia filo- comunista ed il gruppo Sendero Luminoso in particolare.

 

In due altri processi (del 2007 e del 2009) l’ex presidente peruviano è stato condannato ad altre pene( 6 anni per violazione di domicilio, 7 anni per peculato),mail sistema giudiziario peruviano non prevede l’accumulo delle condanne bensì l’assorbimento nella pena maggiore.

 

I sostenitori di Fujimori hanno giudicato la pena a 25 anni di prigione come equivalente ad una «condanna a morte». Guida di un governo molto autoritario, Fujimori governò il Perù quando era stretto tra una crisi economica devastante e la guerriglia di Sendero luminoso.

 

Nel 1992 un «autogolpe» cancellò ogni libertà democratica. Il suo governo è stato accusato di violazione dei diritti umani: omicidi, rapimenti, violenze e torture.

 

Durante gli ultimi mesi del suo terzo mandato, il governo Fujimori fu travolto da una serie di scandali che videro accusati di corruzione personaggi di primo piano.

 

Fu costretto a dimettersi e si autoesiliò nel suo paese d’origine, il Giappone.

 

Nel 2005 annunciò che si sarebbe presentato alle presidenziali, ma fu arrestato durante una visita pubblica in Cile. Estradato nel 2007, è stato condannato a 25 anni

 

Fujimori, condannaultima modifica: 2010-01-05T15:21:55+01:00da reterache
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento