election day -Il Ricatto della Lega

Berlusconi: con l’election day la Lega avrebbe fatto cadere il governo

Poi attacca Fini. Pd e Idv: esecutivo ricattato. Confindustria: uno spreco
La Gelmini contestata in Abruzzo: sprecate soldi per Bossi

 

Dal Messaggero 16/4/09

 

ROMA (16 aprile) – Se si fosse votato per il referendum elettorale il 7 giugno, lo stesso giorno delle europee e delle amministrative, la Lega avrebbe fatto cadere il governo. Lo ha detto oggi a L’Aquila il premier Silvio Berlusconi, che ha poi confermato la data del 21 giugno per il referendum.

«Abbiamo scelto di non inseguire, quanto al referendum, una situazione per noi favorevole e molto positiva come il raggiungimento del sistema bipolare, facendo cadere il governo», ha detto Berlusconi inaugurando la scuola del campo terremotati a Poggio Picenze (L’Aquila). 

L’attacco a Fini. «Mi spiace che altri interpretino come una debolezza del premier e del Pdl aver ceduto ad una precisa richiesta di un partito della maggioranza che, ove non accolta, avrebbe fatto cadere il governo in un momento come questo, producendo una situazione irresponsabile», ha aggiunto Berlusconi replicando al presidente della Camera Gianfranco Fini che mercoledì aveva criticato la scelta di non accorpare il referendum sulla legge elettorale all’election day.

Polemiche fuori luogo. Il presidente del Consiglio usa un tono secco: «La decisione è presa, sono convinto che sarà confermata nell’ufficio di presidenza del Pdl questa sera, le polemiche sono fuor di luogo ma non mi toccano perché bisogna pensare al benessere dei cittadini».

Berlusconi ha spiegato che la prima cosa che uno Stato e un governo devono fare è «stare vicino ai cittadini che hanno bisogno. Il terremoto insieme alla crisi economica è il principale impegno del governo», ha continuato il premier. Per questo il Pdl ha «messo da parte la possibilità di arrivare al bipartitismo perchè non mi è sembrato responsabile da parte nostra di andare ad inseguire una situazione come quella del referendum, molto favorevole per noi, facendo cadere la maggioranza di governo.

 

Abbiamo quindi rinunciato a un fatto molto positivo -ha insistito Berlusconi – come il sistema bipartitico. Mi dispiace che altri abbiamo interpretato questo come una debolezza». All’obiezione che l’election day insieme al referendum avrebbe fatto risparmiare risorse da destinare alla ricostruzione dell’Abruzzo, Berlusconi replica: gli sprechi? «Li ridurremo al minimo indispensabile, andando con il ballottaggio».

La Gelmini contestata. «Quattrocentoquaranta milioni di euro per la Lega», ha gridato uno sfollato alla Gelmini riferendosi ai mancati risparmi dovuti alla scelta di non tenere i referendum sulla legge elettorale insieme all’election day per europee e amministrative.

Pd e Idv: governo ricattato. «Quello che ha detto oggi Berlusconi conferma quello che noi andiamo dicendo da settimane. La Lega sul referendum ha ricattato il governo», ha detto Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd al Senato.

«Il governo ha il dovere di riferire in Aula su quanto accaduto dopo le affermazioni di Berlusconi, che ha reso esplicito il ricatto della Lega denunciato dall’Italia dei Valori e delle opposizioni.

 

È intollerabile che, in un periodo di grave crisi economica e con l’emergenza terremoto in corso, si sprechino 400 milioni di euro solo per un ricatto politico.

 

La maggioranza è spaccata ed a questo punto è necessaria una verifica parlamentare», ha sottolineato capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera Massimo Donadi.

Confindustria: inaccettabile. 

«Decidere di non accorpare la data del referendum con quella delle altre elezioni, spendendo 400 milioni dei cittadini, è assolutamente inaccettabile».

 

Lo ha detto la presidente di Confindustria. «Prima di parlare di un aumento delle tasse – ha sottolineato riferendosi all’ipotesi di un ‘una tantum’ fiscale da destinare ai terremotati – vorrei vedere uno sforzo vero di riduzione della spesa pubblica improduttiva su cui invece non è stato fatto niente».

election day -Il Ricatto della Legaultima modifica: 2009-04-16T18:59:00+02:00da reterache
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento