Pasolini poesia su Valle Giulia

Giugno 1968 – “Il PCI ai giovani”
Ovvero: storia di una poesia poco compresa e di una strumentalizzazione ben riuscita…

Francesco Barilli   22 settembre 2005

Nel giugno del 1968 Pasolini scrisse una delle sue poesie più discusse, più famose, più ricordate (spesso strumentalmente), ma anche paradossalmente meno capite: “Il PCI ai giovani“. Il dibattito sulle lotte studentesche in corso in tutto il mondo arrivava anche in Italia; Pasolini scrisse alcuni versi che gli attirarono pesanti critiche da parte del movimento studentesco e, in generale, dei partiti della sinistra. Questi i versi maggiormente “incriminati”:

 

… Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte
coi poliziotti,

io simpatizzavo coi poliziotti!

Perché i poliziotti sono figli di poveri.

Vengono da periferie, contadine o urbane che siano.

[…]

Hanno vent’anni, la vostra età, cari e care.

Siamo ovviamente d’accordo contro l’istituzione della polizia.

Ma prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!

I ragazzi poliziotti

che voi per sacro teppismo (di eletta tradizione

risorgimentale)

di figli di papà, avete bastonato,

appartengono all’altra classe sociale.

A Valle Giulia, ieri, si è cosi avuto un frammento

di lotta di classe: e voi, amici (benché dalla parte

della ragione) eravate i ricchi,

mentre i poliziotti (che erano dalla parte

del torto) erano i poveri. …

 

Già nella poesia si poteva capire quanta ironia e quanti livelli di lettura ci fossero nel testo, ma in molti non seppero cogliere queste sfumature. Pasolini comunque precisò più tardi il proprio pensiero in diversi scritti; grazie ad un bell’articolo di Angela Molteni, apparso su http://www.pasolini.net/, ne riporto alcuni stralci datati 17 maggio 1969: “quei miei versi, che avevo scritto per una rivista “per pochi”, “Nuovi Argomenti”, erano stati proditoriamente pubblicati da un rotocalco, “L’Espresso” (io avevo dato il mio consenso solo per qualche estratto): il titolo dato dal rotocalco non era il mio, ma era uno slogan inventato dal rotocalco stesso, slogan (“Vi odio, cari studenti”) che si è impresso nella testa vuota della massa consumatrice come se fosse cosa mia. … i poliziotti erano visti come oggetti di un odio razziale a rovescia, in quanto il potere oltre che additare all’odio razziale i poveri – gli spossessati del mondo – ha la possibilità anche di fare di questi poveri degli strumenti, creando verso di loro un’altra specie di odio razziale …“.

 

Il discorso lo si potrebbe anche chiudere qui, non fosse che di quella poesia, indipendentemente dalle successive precisazioni dell’autore, nella “testa vuota della massa consumatrice” ANCORA OGGI è rimasta solo la traccia superficiale della prima lettura.

 

Anche in tempi recenti si è cercato di strumentalizzare quelle parole quasi fossero una semplicistica ed acritica presa di posizione a favore dei celerini e contro gli studenti, e quasi le si potesse usare come una clava virtuale per demolire la nuova stagione di rinnovate lotte sociali. Per questi motivi è giusto approfondire la questione: voglio provare a farlo a modo mio, cominciando col raccontarvi una storia.

 

Io sono figlio di un poliziotto. I più superficiali potranno restare stupiti da questa “rivelazione”, chiedendosi cosa ci faccia il figlio di un celerino in un sito come Reti-Invisibili, e magari s’interrogheranno su quali intricati percorsi psicologici ed affrontando quali sensi di colpa io sia arrivato ad essere uno degli animatori di questo sito.

 

Niente di tutto questo, ma vediamo di fare un po’ di chiarezza. Mio padre, classe 1926, partigiano e comunista, decimo di 12 figli, dopo la fine della guerra entrò nella Polizia di Stato. Suppongo si trattasse di una delle poche opzioni lavorative che gli si presentarono all’epoca. Suppongo pure che non sia stato il solo giovane ex partigiano a fare quella scelta, e ci sarebbe da fare un’analisi ben più seria su questo fenomeno; probabilmente nell’immediato dopoguerra al “problema” dato dall’avere in circolazione un buon numero di giovani armati e “incazzati” fu contrapposta una serie di soluzioni: arruolarli nelle forze dell’ordine fu una di queste.

Non parlai mai con mio padre di come e perché entrò nella Polizia di Stato; parlai invece di come e perché ne uscì; nel 1971 (se non erro), con tre figli da mantenere, scelse di entrare in fabbrica come operaio tornitore: troppo difficile per un comunista essere un poliziotto, mi disse. 

 

Non indagai oltre; non sembrò mai aver voglia di raccontarmi altro, in merito. Io del resto da bambino non m’interrogavo certo sul perché mio padre avesse cambiato lavoro (semplicemente, nella mia ingenuità di bambino, mi dispiaceva non vedere più quell’omone in divisa con la fondina per la pistola); da ragazzo mi rivolsi a lui con la superficialità e la supponenza di un giovane contestatore cui poco interessano le scelte dei propri genitori, e lui si rivolse a me con diffidenza. Non fu facile sciogliere il ghiaccio che si frapponeva fra l’affetto e l’incomunicabilità generazionale, e da adulto il mio interesse si rivelò purtroppo tardivo per entrambi…

Ma non è questo il punto: mio padre poteva avere cento pregi e cento difetti, come tutti, ma io non sono fra quelli che ritengono i figli depositari in linea ereditaria dei pregi e dei difetti dei padri. Il punto sta in due riflessioni. In primo luogo tutto questo ha contribuito ad insegnarmi che la realtà è fatta di mille sfumature, anche quando ci viene presentata con la semplificazione di una contrapposizione fra due fazioni. In secondo luogo mi ha insegnato che le valutazioni personali sulle persone appartenenti a certe strutture (o sulle motivazioni e le circostanze che hanno determinato quelle appartenenze) vanno tenute distinte dalle valutazioni di merito sulle strutture stesse, e viceversa.

E qui torniamo a Pasolini, che non era certo uno sprovveduto. Sapeva che le forze dell’ordine, in Italia come all’estero, si erano ferocemente distinte per numerosi omicidi a danni di manifestanti, e questo ancora prima del 1968. Sapeva che il nocciolo della questione non stava nel poliziotto sottoproletario malpagato, ma nel ruolo che a questo era stato attribuito. Sapeva, in altre parole, che sicuramente esistevano poliziotti “buoni” e poliziotti “cattivi”, ma che, in quanto tutori di un dato ordine costituito, TUTTI i poliziotti rappresentavano un’unica entità omogenea, usata come strumento di repressione. La divisione del mondo fra ricchi e poveri andava inasprendosi, ed il vero nemico (il Potere) era abbastanza scaltro da riuscire ad utilizzare strumentalmente anche “certi” poveri verso “altri” poveri: nella sua poesia Pasolini intendeva sottolineare quanto di paradossale e pericoloso ci fosse in tutto questo.

Ma se la scandalosa strumentalizzazione delle parole di Pasolini da parte della destra è comprensibile, nella perversa logica della lotta politica “all’italiana” (fatta spesso NON di fatti e di idee, ma di uso distorto dei primi e delle seconde), la miopia della sinistra di fronte all’articolata presa di posizione dell’intellettuale risulta meno scusabile; e soprattutto sembra avere avuto effetti anche più disastrosi.

È opportuno precisare che il modello di poliziotto “sottoproletario e malpagato” da tempo non è più attuale, ma è innegabile che a sinistra non ci si sia resi conto di quanto importante fosse la battaglia per arrivare ad un maggiore “spirito democratico” interno alle forze dell’ordine e ad una loro formazione non-violenta, rassegnandosi ad assegnare alle forze di polizia il ruolo di “nemico” a priori. A questo proposito, per darvi un ulteriore elemento di riflessione chiudo questo articolo riportando di seguito un estratto dell’intervista da me fatta a Stefano Tassinari, scrittore bolognese autore di “I segni sulla pelle”, romanzo imperniato sui tragici giorni di luglio 2001 a Genova

 

Io credo abbiano fatto una selezione preventiva sulle persone da mandare a Genova. … Io credo che in questi anni si sia sbagliato nel non continuare la battaglia iniziata nei primi anni ’80, per una polizia più “democratica”. Dopo la smilitarizzazione della Polizia li abbiamo lasciati da soli, abbiamo pensato che il lavoro fosse finito… Invece, specie negli ultimi anni, è cominciato dalla parte contraria un lavoro metodico di selezione e formazione politica delle nuove reclute. …

Pasolini poesia su Valle Giuliaultima modifica: 2009-03-11T19:24:50+01:00da reterache
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Pasolini poesia su Valle Giulia

  1. Convengo con l’analisi sociale di Pier Paolo Pasolini ( cacciato dal P.C.I ), è chiaro che è solo un’analisi, mancante di prassi, ma pur sempre lucida e veritiera. I controsensi sono rimasti più o meno immutati. Andare aldilà e smascherare i benpensanti non è cosa ardua come sembra… basta osservare con più acutezza e senza pregiudizio alcuno, molti circoli intellettuali o presunti tali e partecipare ad alcuni dibattiti pubblici, divenuti oggetto di pavoneggiamento narcisistico del proprio ego o sfogio autocelebrativo di rimostranze perlopiù patetiche. Poi il resto lasciamolo ai sofisti di turno, noi siamo uomini che ricercano e non mercanti travestiti da falsi bravi padri di famiglia o rappresentanti politici in cerca di fiducia e voti.

    Grazie

Lascia un commento